22 Ottobre 2017

Grotte turistiche e speleologhe

Nella geomorfologia della regione, è stata l´acqua ad avere un importante ruolo: nel corso di milioni di anni questo elemento ha modellato le montagne, le valli, e le forre, scavando canyon, inghiottitoi e soprattutto grotte, alcune delle quali ancora inesplorate o poco conosciute. Quando si pensa all´Abruzzo quindi, è giusto pensare al patrimonio floro- faunistico, ma non bisogna sottovalutare ciò che la regione può offrire anche "sotto terra". In particolare, nell´area della Majella, massiccio di roccia calcarea, il carsismo ha fortemente influito sul paesaggio; qui l´acqua è permeata nelle viscere della montagna, facendosi artefice di cavità, anche molto profonde, che con il tempo si sono arricchite di concrezioni, e che oggi ospitano specie animali anche rare.
Il turismo legato alle grotte in Italia copre una larga fetta dell´intero settore e sicuramente l´Abruzzo può annoverare tra le proprie grotte turistiche esempi come le Grotte di Stiffe e le Grotte del Cavallone, oppure la Riserva naturale delle Grotte di Pietrasecca, che richiamano un gran numero di visitatori ogni anno.
Vi sono poi un grandissimo numero di grotte minori, meno grandi e spettacolari, magari non turistiche, che potrebbero essere valorizzate e divenire poi luoghi di attrazione verso piccoli comuni delle aree interne. Il pubblico che potrebbero richiamare sarebbe sicuramente un pubblico di nicchia, costituito da appassionati, ma non bisogna sottovalutare il fatto che le grotte potrebbero poi essere un volano per far conoscere le altre emergenze presenti sul territorio.
risultati: 1-1 / 1

Grotta delle Praje

[]
[ continua ]
altri risultati

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]