05 Dicembre 2020

L´anello della Fonte della Chiesa

Natura accessibile
Riserva Naturale di Lama Bianca
DESCRIZIONE: Facile escursione in una delle zone più pregevoli del Parco.
Qui però l´uomo ha da sempre recitato un ruolo fondamentale con un intenso uso del bosco e pascolo di bestiame, spesso con interventi che nei secoli hanno profondamente modificato l´aspetto del luogo. Nonostante questo la faggeta ad altofusto di Lama Bianca è stata segnalata dalla Società Botanica Italiana come una delle delle più importanti dell´Appennino e all´interno di essa è segnalata la presenza dell´Orso marsicano, del Lupo, del Gatto selvatico e del raro Astore, rapace specializzato nel caccia nel fitto dei boschi.

Il percorso segue l´ampia sterrata (cartello per grotta Zappano) che da Fonte di Grotta Zappano sale verso i prati dell´Addiaccio della Chiesa. I primi 600 metri sono caratterizzati da un dislivello minimo e da un´ampia radura con una bella veduta sulla Montagna del Morrone. Superata l´area pic-nic e la fonte, la pista sale lentamente nel bosco che si alterna spesso a piccole radure in cui predominano la Rosa selvatica e il Ribes, e dove troviamo alberi di uso domestico come il Ciliegio e il Melo.
Oltrepassata l´ampia radura creata da una grossa valanga scesa negli anni passati dal sovrastante Ravone della Vespa, si esce dal bosco per attraversare le belle prateria dell´Addiaccio della Chiesa. Qui sul finire di maggio abbondano le fioriture di Peverina tomentosa, Euforbia, Verbasco dalle slanciate fioriture gialle, Viola e le foglie della poco frequente Genziana minore.
La mulattiera termina sul ciglio di una valletta erbosa sul cui fondo si intravvedono la Fonte della Chiesa (acqua non potabile) e l´omonimo rifugio raggiungibili mediante un sentierino che percorre sulla sinistra il bordo della valletta (direzione ovest-nord-ovest).
In prossimità della fontana i prati si presentano assai degradati a causa della frequentazione del luogo da parte di cavalli e bovini, ma in compenso il terreno ricco di nitrati permette ogni anno, nel mese di maggio, la crescita degli Orapi, una squisita verdura di montagna molto apprezzata dalla gente del posto.
Dalla Fonte si risale verso la Rava del Ferro (cartello-direzione est-sud-est) percorrendo dapprima una rapida crestina e attraversando poi un canale ghiaioso all´uscita del quale bisogna salire ancora di poco.
Il sentiero ora taglia trasversalmente il pendio, alternando al bosco di faggio ampie radure fiorite, fino a raggiungere il punto più alto del percorso per poi iniziare a scendere fino alla strada asfaltata del piazzale della Rava del Ferro.
Si scende lungo la strada asfaltata per qualche centinaia di metri fino a deviare per il sentiero sulla destra (indicazioni Lama Bianca-Sant´eufemia) e al bivio successivo si svolta a sinistra immettendosi su una breve pista forestale che si abbandona per seguire ancora le indicazioni per Lama Bianca.
Attraverso un bel canale detritico e un tratto di strada sterrata si giunge in breve all´area attrezzata di Lama Bianca (rifugio e area pic-nic) dove proseguendo lungo il sentiero staccionata si arriva in breve al punto di partenza e quindi all´auto.

Scheda tecnica dell'itinerario
  • LOCALITA´ DI PARTENZA: Strada sterrata bianca per Grotta Zappano (m. 1270)
  • TIPO ITINERARIO: Anello
  • DIFFICOLTA´: E - ESCURSIONISTI | FACILE
  • DISLIVELLO IN SALITA: 300 metri
  • DISLIVELLO IN DISCESA: 360 metri
  • TEMPO PERCORRENZA: 3 ore
  • PERIODO CONSIGLIATO: Maggio-Ottobre
  • SORGENTI E FONTANE: Fonte di Grotta Zappano, Fonte della Chiesa (acqua non potabile), Fonte Lama Bianca
  • SEGNALETICA: In legno della Riserva. Segnavia bianco rossi del Parco



Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio