24 Ottobre 2021
SCEGLI LE TUE EMOZIONI
Vivile con Majambiente nel cuore
del Parco Nazionale della Majella in Abruzzo!

PRENOTA ORA

Ecco perché non devi toccare i piccoli di cervo e capriolo

Vivere la montagna, Lungo i sentieri
scritto da utente sconosciuto il 30-05-2019 10:00
Cervi e caprioli sono animali molto diffusi in Abruzzo e nel Parco Nazionale della Maiella.
La primavera, per queste specie, è la stagione delle nascite. Dagli inizi di maggio alla metà di giugno infatti le femmine danno alla luce i propri piccoli.

Al fine di proteggerli, le femmine utilizzano strategie antipredatorie. Nelle prime settimane di vita i nuovi nati vengono accuratamente nascosti dalle madri per difenderli da possibili rischi. A quest'età, non hanno ancora sviluppato l'istinto di fuga ed è per questo che rimangono immobili di fronte al pericoli e grazie alla pomellatura del manto, accovacciati nel folto della vegetazione, si mimetizzano perfettamente con l'ambiente circostante.

Le madri tendono ad allontanarsi in quanto è proprio la loro presenza ad attirare eventuali predatori. Le madri, rimangono nei paraggi a rifocillarsi, tornando da loro di tanto in tanto per allattarli.

In primavera cresce anche il numero di escursionisti lungo i sentieri. Può capitare quindi di imbattersi in piccoli di cervo e capriolo a prima vista abbandonati. Nella maggior parte dei casi non hanno bisogno né di cure, né di aiuto da parte dell'uomo.

Potrebbe essere istintivo avvicinarsi e spinti dalla tenerezza che questi suscitano (sono davvero belli...), accarezzarli.

È fondamentale invece rimanere in silenzio, allontanarsi con calma, non toccarli e non dar loro da mangiare. Imprimere l'odore umano sui piccoli significa destinarli a morte certa.
La madre, non riconoscendoli, li abbandonerebbe.

Prelevarli invece dal loro ambiente, come a volte si è spinti a fare pensando che il piccolo solo sia stato abbandonato, li condannerebbe a passare tutta la loro vita in cattività in quanto, non potendo essere riportati nel punto in cui sono stati trovati, devono essere cresciuti dall'uomo in apposite aree e centri di recupero e non potranno mai più tornare a vivere liberi.

Se incontrate animali che possono sembrare in difficoltà o in cattive condizioni di salute, l'unica cosa da fare è rivolgersi alle autorità locali, in particolare ai Carabinieri Forestali, chiamando il 1515.


Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio