15 Ottobre 2021

Eremo di Sant'Onofrio all'Orfento

Eremi e luoghi di culto rupestri
La Valle dell'Orfento, nel cuore del Parco Nazionale della Majella in Abruzzo, è conosciuta sia per la sua straripante biodiversità vegetale ed animale, sia per essere costellata di grotte ed eremi. Il più celebre è sicuramente quello di San Giovanni all'Orfento, legato al culto di Pietro da Morrone, poi Papa Celestino V.

Eppure, quasi nascosto sotto una rupe, vi sono i resti del misterioso eremo di Sant'Onofrio all'Orfento, di cui si hanno poche e frammentate notizie, ed è forse per questo motivo che è ancora più affascinante.

Come visitare la Valle dell'Orfento
Prima di partire per l'escursione, ricorda che per accedere alla Valle è necessario ritirare un registrazione gratuita di accesso presso il Centro Visitatori della Valle dell'Orfento di Caramanico Terme. Puoi richiedere tutte le informazioni allo 085922343 o a info@majambiente.it.

Percorso
Dal Centro Visitatori “Paolo Barrasso” di Caramanico Terme, una volta effettuata la registrazione, potrai accedere al sentiero attraverso un cancello che dà proprio sulla Valle. Qui, seguendo i cartelli della sentieristica ufficiale del Parco, segui le indicazioni per il sentiero B2, recandoti prima al parcheggio per escursionisti e poi, al termine di una gradinata sulla scarpata che lo fiancheggia, troverai l'ingresso vero e proprio del sentiero B2.

Dopo circa 20 minuti di cammino inizierai a camminare a mezzacosta, con un panorama mozzafiato su tutta la vallata, fino a giungere al “Guado della Vena”, un passaggio in una fenditura rocciosa da cui il sentiero continua a scendere sempre lasciandoti ammirare un paesaggio unico, con il borgo di Decontra che farà capolino sul versante opposto della Valle dell'Orfento, poche e graziose case in pietra a ridosso dell'orrido della gola. Dopo circa 45 minuti di cammino avrai raggiunto il fondo della Valle dell'Orfento, il suono del fiume si farà sempre più intenso e giungerai ad una piccola “spiaggetta” di roccia, a ridosso del corso d'acqua, che potrai attraversare grazie a un ponte di legno, il Ponte del Vallone.

Sul versante opposto continuerai a risalire il corso d'acqua sempre sul sentiero B2 fino a giungere ad un altro ponte il legno, il Ponte di San Benedetto.
Qui le alternative sono due:
  1. proseguirai senza attraversare il Ponte di San Benedetto, sul sentiero S, per raggiungere l'eremo in un'ora abbondante, per poi ripercorrere questo tratto all'indietro e proseguire sempre sul sentiero S fino al Ponte di Caramanico;
  2. attraverserai il Ponte di San Benedetto per proseguire sul sentiero B2; poco dopo affronterai il passaggio esposto di Piscia Giumenta (a circa 3-4 metri dal suolo, su una cengetta mista in roccia e cemento) dove troverai un cordino di acciaio lungo la parete, per poi giungere al Ponte della Pietra in circa un'ora e mezza. Da qui, attraversato il ponte, si riprende il sentiero S in direzione Caramanico per incontrare l'eremo dopo circa 40 minuti di cammino. Proseguendo sul sentiero S, seguendo la direzione di scorrimento dell'acqua, si giunge al Ponte di Caramanico: questa alternativa corrisponde all'Anello del Ponte della Pietra.

L'eremo di Sant'Onofrio, di cui resta una parete perimetrale e il lato destro del portale, sormontato da un piccolo campanile a vela, non trova riscontro in testimonianze storiche se non in un documento del 1844, nel quale viene specificato già lo stato di abbandono e fa quindi pensare ad un'origine molto più antica. Si scorgono ancora i motivi floreali che decoravano il portale, ancora oggi appena visibili.

Consiglio
Se siete in gruppo e avete due o più auto, può essere utile lasciare, prima della partenza, delle macchine in prossimità del parcheggio vicino al Ponte di Caramanico e proseguire con le altre fino al punto di partenza dell'itinerario. In questo modo, giunti alla fine del sentiero, potrete recuperari i mezzi lasciati al Centro Visitatori con quelli lasciati vicino al ponte, evitando così di camminare sulla strada.

Scheda tecnica dell'itinerario:
  • LOCALITA' DI PARTENZA: C.da Santa Croce di Caramanico Terme
  • TIPO DI ITINERARIO: Anello
  • DIFFICOLTA': E - ESCURSIONISTI | DIFFICILE
  • DISLIVELLO IN SALITA: 520 metri (alternativa 1) | 600 metri (alternativa 2)
  • DISLIVELLO IN DISCESA: 605 metri (alernativa 1) | 680 metri (alternativa 2)
  • TEMPO DI PERCORRENZA: 5 ore (alternativa 1) | 7 ore (alternativa 2)
  • PERIODO CONSIGLIATO: fine marzo – novembre
  • SORGENTI E FONTANE: fonte storica di Santa Croce, all'inizio dell'itinerario
  • SEGNALETICA: ufficiale del Parco. Segnavia bianco rossi e frecce in legno
  • CANI AL SEGUITO: no (itinerario quasi completamente in zona A del Parco)
  • IN BICICLETTA: non accessibile

L'escursione a Sant'Onofrioè sicuramente da non perdere per coloro che decidono di trascorrere una vacanza in Abruzzo, nel Parco Nazionale della Majella.

La visita può essere effettuata in autonomia o con l'assistenza di esperte guide locali che sapranno accompagnarti alla scoperta di questo magnifico luogo.

Per ricevere i calendari escursionistici con le visite a questo e agli altri imperdibili sentieri del Parco Nazionale della Majella iscriviti alla Newsletter Maja da qui.


keyboard_arrow_left keyboard_arrow_right



Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio