Post con il tag: "(storia)"



Caramanico Terme è un borgo dalle antiche origini che hanno lasciato tracce più o meno visibili nell'assetto urbanistico del paese. Oggi a differenza di altre volte, vogliamo raccontarti di un angolo quasi scomparso dell'antico borgo, annoverato dal 2011 tra "I Borghi più belli d'Italia".
“Guardiagrele, la città di pietra, risplendeva al sereno di maggio. Un vento fresco agitava le erbe su le grondaie. Santa Maria Maggiore aveva per tutte le fenditure, dalla base al fastigio, certe pianticelle delicate, fiorite di fiori violetti, innumerevoli; così che l'antichissimo Duomo sorgeva nell'aria cerulea tutto coperto di fiori marmorei e di fiori vivi”. (Gabriele D'Annunzio, Il Trionfo della Morte, 1894) Le parole di D'Annunzio ci portano oggi a Guardiagrele. Il paese posto ai...

Alle pendici del Morrone, Pacentro si trova nel Parco Nazionale della Maiella. Con le alte torri del castello si affaccia sulla Conca Peligna, a pochi chilometri da Sulmona ed è uno dei centri medievali meglio conservati d'Abruzzo, non a caso rientra nel club de “I Borghi più belli d'Italia”. Un luogo di bellezza che vale la pena visitare.
Tra i comuni situati a più alta quota in Italia (1.400 metri s l.m.), Pescocostanzo è un gioiello architettonico che conserva uno straordinario patrimonio di monumenti rinascimentali e barocchi. Non a caso è uno de “I borghi più belli d'Italia”. Si trova nell'area meridionale del Parco Nazionale della Maiella, quella degli Altipiani Maggiori d'Abruzzo, localmente chiamati Quarti.

Vivere la montagna · 21. febbraio 2019
Un viaggio nel viaggio. Potremmo definire così i cammini spirituali che tanto sembrano essere tornati in voga negli ultimi anni. Luoghi di meditazione e di introspezione personale. Percorsi alla ricerca di sé stessi dove perdersi e ritrovarsi. Itinerari che si inseriscono perfettamente in un anno, il 2019, consacrato come quello dello Slow Travel.
Vivere la montagna · 21. giugno 2017
Affascinanti nella loro solitaria bellezza, conquistano i visitatori per la loro particolare architettura che si integra con la natura intorno. Parliamo degli eremi d'Abruzzo, rifugi spirituali che caratterizzano tutto il territorio del Parco Nazionale della Maiella. In questi luoghi isolati trovarono rifugio uomini che sceglievano una vita ascetica, pronti a rinunciare ad ogni forma di possedimento pur di sentirsi vicini al divino nella loro contemplazione solitaria. Il più importante tra...

La riserva naturale Valle dell'Orfento, nel cuore del Parco Nazionale della Maiella in Abruzzo, è conosciuta per la sua bellezza naturalistica, un paradiso verde che incanta i visitatori con il suo paesaggio ricco di flora a contornare il fiume lungo tutto il suo tragitto disegnando scenari di selvaggia magia. Quello che pochi conoscono invece è che questo luogo, durante la Seconda Guerra Mondiale, fu lo scenario di una storia straordinaria scoperta solo di recente grazie al ritrovamento di...
La Maiella è una montagna che da secoli ha ispirato riflessioni e visioni. Una montagna "sacra" perché è sempre stata abitata. Qui la terra ha trovato in passato mani che la seminassero e buoni camminatori che la percorressero per sopravvivere, oggi per scoprirne le bellezze. La presenza di donne, uomini e animali in una natura generosa, resa gentile dal vicino mare Adriatico, fanno di questa montagna un territorio ricco di leggende popolari, racconti, canti, storia e memoria che hanno...

"Bella, assolata e gaia la mia Rocca sotto l'usbergo del Castello antico canta alle valli assorte, al verde aprico, dolce armonia che nel cuor rintocca". Così scriveva l´artista e poeta Cesare Torelli del suo borgo natio, Roccacasale, che tra tutti si erge maestoso e strategico in uno degli altipiani che caratterizzano la provincia dell'Aquila: la Conca Peligna. L'esemplare castello che spicca sull'abitato e sulla valle costituisce uno dei manufatti più singolari nell'ambito...
Un ragazzo corre a perdifiato sulle pendici della Maiella. Attraversa boschi e valloni, costeggia pericolosamente dirupi alla ricerca di un passaggio sicuro. Campo di Giove, il suo piccolo paese, è ormai lontano, dietro di se lascia il ricordo di una donna amata e il macigno di un misfatto compiuto per liberare il cuore dalla rabbia: un´enorme ingiustizia ha colpito Fabiano Marcucci e ora è costretto a fuggire. Per riconquistare la propria libertà dovrà restare sulla montagna che sovrasta...

Mostra altro

Seguici su