02 Dicembre 2020

La Majella e i briganti: l´amore perduto di Primiano

Racconti e personaggi della Majella
scritto da Francesco Liberatore il 11-05-2016 19:24
Un ragazzo corre a perdifiato sulle pendici della Majella. Attraversa boschi e valloni, costeggia pericolosamente dirupi alla ricerca di un passaggio sicuro. Campo di Giove, il suo piccolo paese, è ormai lontano, dietro di se lascia il ricordo di una donna amata e il macigno di un misfatto compiuto per liberare il cuore dalla rabbia: un´enorme ingiustizia ha colpito Fabiano Marcucci e ora è costretto a fuggire. Per riconquistare la propria libertà dovrà restare sulla montagna che sovrasta il paese, al sicuro, spalleggiato da un gruppo di uomini che prima di lui avevano scelto di darsi alla macchia. Da quel momento la vita di Fabiano non sarà più la stessa, egli diventa Primiano il brigante.

Quella di Primiano è una delle numerose storie che si intrecciano al fenomeno del brigantaggio in Abruzzo, un movimento presente in tutto il meridione e legato al processo di unificazione d´Italia, culminato con il plebiscito del 21 ottobre del 1860 e l´annessione del Regno delle Due Sicilie al nuovo Stato sovrano guidato da re Vittorio Emanuele II. L´unificazione dell´Italia coincise infatti con un diffuso malessere da parte dei contadini stanziati nel territorio del Regno che sfociò ben presto nella rivolta: costretti dai proprietari terrieri ad una precarietà insostenibile, privi di diritti e obbligati alla fame dal misero compenso ottenuto con uno sfiancante lavoro quotidiano, persero ogni speranza di riscatto con l´esilio di Francesco II re di Borbone, che nel suo programma di riforma aveva previsto un´apertura alle esigenze della popolazione oppressa.

La reazione contro i nuovi conquistatori del nord, ciechi di fronte alla loro disperazione e portatori di una politica ancora più feroce, si innescò con rapidità dando vita a bande armate ribelli che trovarono un riparo naturale sui versanti montuosi. La Majella, con le sue grotte e le faggete, divenne per un decennio un punto di riferimento per i briganti d´Abruzzo che sfruttavano la conoscenza del luogo a loro vantaggio per sfuggire all´esercito piemontese.

Nei prossimi mesi saranno diverse le escursioni tematiche che ci condurranno alla scoperta di qusta e di tante altre storie, personaggi e luoghi legati al Brigantaggio.

Se vuoi unirti a noi in queste straordinarie esperienze clicca qui ed iscriviti alla newsletter Maja oppure qui per iscriverti al nostro broadcast WhatsApp.

Se vuoi approfondire la storia dei Briganti della Majella ti consigliamo l'interessante libro edito dal Parco della Majella e scritto dal Prof. Nunzio Mezzanotte, una delle nostre guide. Puoi acquiatare il volume on line dal nostro Maja Shop.




 (testo completo) obbligatorio


ULTIMI ARTICOLI
[]
I giorni delle Gru. Eccole passare anche sui cieli d’Abruzzo
[]
Escursioni in Abruzzo in autunno: ecco come e quando ammirare i colori dei boschi ed il foliage
[]
Il bramito del Cervo in Abruzzo
[]
San Valentino in Abruzzo Citeriore: storia, tradizioni e gusto alle porte del Parco Majella
[]
Tocco da Casauria, paese dell’olio, del vino e del vento
[]
Un angolo di Caramanico Terme quasi scomparso
[]
Orchidea, maestra dell’inganno
[]
Guardiagrele, la "città di pietra" tra la Majella e il mare

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio