15 Settembre 2019

[]

Il Cammino di Celestino. Sul Sentiero dello Spirito sulle orme di Pietro da Morrone

Vivere la montagna
scritto da Manuel Santoro il 14-03-2019 13:14
Un trekking di più giorni in Abruzzo nel cuore del Parco Nazionale della Majella sulle tracce di Pietro da Morrone. Il Sentiero dello Spirito è uno dei grandi trekking d’Abruzzo, un percorso che ripercorre la vita eremitica di quel personaggio che presto sarebbe diventato papa Celestino V.

Pietro da Morrone scelse proprio le montagne della Majella, selvagge ed isolate, per la sua vita di fede e contemplazione. In un percorso a stretto contatto con la natura, il Sentiero dello Spirito collega circa venti eremi, gran parte dei quali costruiti sfruttando le inclinazioni delle pareti rocciose della zona. Natura e religione si incontrano e si combinano.

Se decidete di percorrere il Sentiero dello Spirito preparatevi a scoprire vallate profonde ed inaccessibili dove gli unici suoni sono lo scorrere del fiume Orfento, il fruscìo delle foglie e quello degli animali del bosco.

In totale sono 73 i chilometri da dividere in almeno quattro tappe. La partenza avviene dalla frazione Badia di Sulmona, dove è possibile ammirare la grande Abbazia Celestiniana e l’eremo di S. Onofrio e si conclude a Serramonacesca all’Abbazia di San Liberatore a Majella.

Non dimenticate di richiedere e timbrare la Charta Peregrini presso i punti informativi e i Centri Visita del Parco Nazionale della Majella. Sulla stregua dei grandi cammini d'Europa, tutti, gli escursionisti e i pellegrini possono far apporre un timbro per ognuno degli eremi visitati e presenti nell'area.


Le tappe


GIORNO 1. Da Badia di Sulmona a Caramanico Terme

Partendo dalla frazione Badia di Sulmona il sentiero sale gradualmente sul massiccio del Morrone fino ad arrivare all’eremo di San Pietro. Dopo l'Eremo di Sant'Onofrio al Morrone il sentiero continua e diventa via via più ripida prima della discesa che conduce al borgo di Caramanico Terme.

GIORNO 2. Da Caramanico Terme al rifugio Di Marco

Il percorso si snoda quasi interamente nella Valle dell'Orfento. All’inizio il sentiero attraversa la gola del fiume Orfento e dopo una breve sosta ai ruderi dell’eremo di S. Onofrio comincia la ripida Rava dell’Avellana. Pianagrande anticipa il rifugio Di Marco, tappa finale di giornata.


GIORNO 3. Dal rifugio Di Marco a Roccamorice


Il percorso da Pianagrande a Roccamorice si articola in discesa e costituisce il fulcro di tutto il percorso con ben tre eremi celestiniani. Anche il contesto paesaggistico è uno dei più suggestivi dell’intero sentiero. Dal rifugio, tra fitti boschi di faggio e capanne in pietra a secco, la direzione è quella verso gli eremi di Santo Spirito e San Bartolomeo, nel comune di Roccamorice.


GIORNO 4. Da Roccamorice a Serramonacesca


La tappa finale del Sentiero dello Spirito tocca due eremi e si conclude a Serramonacesca, nei pressi dell'Abbazia di San Liberatore. La prima parte viene percorsa su strada prima di raggiungere un colle e scendere verso ill Vallone Sant'Angelo di Lettomanoppello. Superato il fossato la successiva sosta è rappresentata dalla Grotta Sant'Angelo.



Anche noi di Majambiente, a fine agosto, percorreremo il Sentiero dello Spirito. Se vuoi unirti a noi e seguirci in questa avventura puoi richiedere informazioni scrivendo a info@majambiente.it, oppure iscriviti alla newsletter Maja per rimanere sempre aggiornato.




 (testo completo) obbligatorio



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata